ozio_gallery_fuerte

    SALVIAMO I COMPLESSI BANDISTICI. 


    La musica è il linguaggio universale per eccellenza che ci mette in relazione con gli altri tramite profondi stimoli emotivi. Essa è un laboratorio di suoni dove noi possiamo entrare uscendone cambiati. Le storiche bande di paese fanno da sempre parte delle nostre più belle tradizioni: ci accompagnano nelle feste e nelle ricorrenze delle nostre comunità, rallegrano i momenti più significativi ed accompagnano con discrezione gli attimi più tristi; nonostante tutto ciò i gruppi bandistici sono oggi totalmente dimenticati dallo Stato, sono a rischio di estinzione e di chiusura: servono soldi per l’acquisto degli strumenti, per i corsi di formazione dei musicanti e degli allievi che si accostano allo studio degli strumenti, per le trasferte, per il mantenimento dei locali delle prove.   Riuscire a gestire con successo tutto questo è un compito faticoso, a tratti improbo, che per fortuna qualche volta trova generoso aiuto economico nei pochi appassionati e raramente, purtroppo ci spiace constatare,  nella sensibilità dell’assessore di turno. Bene ha fatto al Ravenna Festival 2008  Riccardo Muti che, dirigendo per la prima volta nella sua lunga ed eccellente carriera una banda ha lanciato il seguente allarme: “ La banda è come se fosse il Panda della musica, l’animale culturale a rischio di estinzione. Le storiche bande di paese, abbandonate dello Stato, sono in estrema difficoltà e potrebbero sparire dal nostro patrimonio socio-storico-culturale”. Lo sfogo del grande Direttore è stato un omaggio ed un riconoscimento importante per tutti i complessi bandistici italiani, ha confermato e assicurato il loro impegno e la loro funzione all’interno della Società nella quale viviamo e noi  a questa invocazione di aiuto ci associamo e ringraziamo tutti coloro che continueranno ad appoggiarci o che vorranno iniziare a farlo, per farci sentire vivo il calore con il quale sempre veniamo accolti che è fonte, per noi, di grande soddisfazione e riconoscenza.
    Grazie di cuore.


    Antonio Geninazza del Corpo Musicale V.Veneto.

    facebook bandai

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla paginaCookie