ozio_gallery_fuerte

    PIU' INTELLIGENTI CON LA MUSICA.

    "Genitori: mandate i vostri bambini a lezione di musica" Si potrebberiassumere cosi il risultato di uno studio che mostra cambiamenti nelleattività cerebrali dei giovanissimi dopo un corso di musica. I piccoli che inetà prescolare prendono lezioni di musica presentano uno sviluppo mentaleed una memoria migliori rispetto a quelli che non sono pratici con le note.Ricercatori canadesi del McMaster University Institute, guidati da psicologi,hanno confrontato i cambiamenti nello sviluppo di 12 giovanissimi tra i 4 e i6 anni: sei bambini hanno avuto lezioni di musica, gli altri sei no. I piccoliavviati alla musica con il metodo Suzuki (dal nome di un violinistagiapponese, secondo il quale un bambino impara a suonare per imitazionecosì come impara a parlare) mostravano una memoria potenziata. Questonon stupisce. Sorprende invece il miglioramento della memoria verbale, delquoziente intellettivo e delle capacità correlate con materie non musicali,come la letteratura e la matematica."Questo era l'articolo apparso su un noto quotidiano.Il Corpo musicale Vittorio Veneto di Tremezzo organizza annualmentecorsi di Orientamento Musicale frequentati da ragazzi dei vari paesi dellaTremezzina. Possiamo assicurare che, durante l'arco d'insegnamentoabbiamo constatato, pur non avendo il supporto di ricercatori e di psicologi,quanto siano importanti lo studio della musica, la facilità a socializzare, ilrispetto con i musicanti anziani, la ricerca di un miglioramento della propriaprestazione, la scoperta di un amico che poi ti accompagnerà per tutta lavita: "Lo Strumento."Tutto questo dovrebbe convincere i genitori a considerare lo studiodella musica utile ed interessante, perché la musica aiuta a crescere e rendefelici.Vi aspettiamo numerosi per il prossimo corso.

    Antonio Geninazza del Corpo Musicale V. Veneto.

    facebook bandai

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla paginaCookie